Statuto dei Diritti del Contribuente: Articolo 7

Statuto dei Diritti del Contribuente: Articolo 7

Guardia di finanza che applica lo Statuto dei Diritti del Contribuente

Articolo 7 (Chiarezza e motivazione degli atti) 

Primo comma

Gli atti dell’amministrazione finanziaria sono motivati secondo quanto prescritto dall’articolo 3 della legge 7 agosto 1990, n. 241, concernente la motivazione dei provvedimenti amministrativi, indicando i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione dell’amministrazione. Se nella motivazione si fa riferimento ad un altro atto, questo deve essere allegato all’atto che lo richiama. 

Secondo comma

Gli atti dell’amministrazione finanziaria e dei concessionari della riscossione devono tassativamente indicare: 

a) L’ufficio presso il quale è possibile ottenere informazioni complete in merito all’atto notificato o comunicato e il responsabile del procedimento;

b) L’organo o l’autorità amministrativa presso i quali è possibile promuovere un riesame anche nel merito dell’atto in sede di autotutela;

c) Le modalità, il termine, l’organo giurisdizionale o l’autorità amministrativa cui è possibile ricorrere in caso di atti impugnabili.

Terzo comma

Sul titolo esecutivo va riportato il riferimento all’eventuale precedente atto di accertamento ovvero, in mancanza, la motivazione della pretesa tributaria.

Quarto comma

La natura tributaria dell’atto non preclude il ricorso agli organi di giustizia amministrativa, quando ne ricorrano i presupposti.

Elenco altri post della categoria “Statuto dei Diritti del Contribuente”.

Ti potrebbe interessare anche...