Principio d’indisponibilità del tributo

Principio d’indisponibilità del tributo

Il fatto che le obbligazioni tributarie siano qualcosa di diverso rispetto alle obbligazioni di diritto comune, è supportato anche da c.d. Principio d’indisponibilità del tributo.

In altre parole, l’Amministrazione finanziaria non può tramite accordi interni con i privati, rinunciare ai tributi che gli sono dovuti in base alla legge.

Si osservi che detto principio, trova il suo fondamento all’interno dell’articolo 49 del Regolamento di Contabilità di Stato. Non a caso, esso stabilisce che:

  • Nei contratti con lo Stato, non si può convenire alcuna esenzione da qualsiasi specie di tributi vigenti all’epoca della loro stipulazione.

Ovviamente sarà inutile precisare che il principio d’indisponibilità del tributo, ha un capo di operatività ben più esteso di quello inerente ai contratti pubblici.

Quanto ho appena detto trova la sua giustificazione nel fatto che, tutte le norme tributarie hanno un contenuto inderogabile, sia quando contengono disposizioni svantaggiose, sia favorevoli per il contribuente.

Sulla base di quanto appena detto, l’Amministrazione finanziaria non può riconoscere al contribuente una detrazione se questo, pur avendone il diritto di avvalersene, ha alla fine deciso di rinunciarvi.

Si osservi che il principio d’inderogabilità del tributo, opera anche nelle attività di riscossione ed accertamento.

L’inderogabilità nell’Accertamento

Gli Uffici devono effettuare gli accertamenti. Questi proprio per la loro natura vincolata, non possono essere fatti oggetto d’annullamento d’ufficio, né totale, né parziale.

Diverso è il discorso dell’autotutela, a cui a breve dedicherò un post.

L’inderogabilità nella Riscossione

Con riferimento alla riscossione, è importante dire già da subito che il principio d’indisponibilità del tributo, subisce in qualche modo una sorta di attenuazione.

Infatti, la legge consente all’Amministrazione finanziaria di concedere, tenendo conto delle particolari situazioni del caso concreto:

  • Sospensioni
  • Dilazioni
  • Rateizzazioni

Ma chiaramente, dall’altra parte l’Amministrazione finanziaria è autorizzata a chiedere ai contribuenti, a cui rilascia dette concessioni, garanzie negoziali a tutela dell’adempimento degli obblighi tributari.

Si pensi alla richiesta di rilasciare una fideiussione.

 

Elenco altri post della categoria “Diritto Tributario”

Ti potrebbe interessare anche...